info@creditprima.com

inserisci senza impegno alcuni semplici dati

Sospendere le rate del mutuo - Nel 2014 si può ancora


 



01 February 2014


 



Sospendere le rate del mutuo – si può anche nel 2014



La possibilità di sospendere i mutui rappresenta un vero e proprio toccasana, anche se temporaneo  per le famiglie in evidente difficoltà economica. Analizzando qualche dato pubblicato in una Nota dall’ABI (Associazione delle Banche Italiane), che ha visto ben oltre 10.000 famiglie usufruire, solo nel secondo semestre del 2013, dell’agevolazione di sospendere il pagamento delle rate del proprio mutuo, si capisce come la congiuntura economica sfavorevole continua a manifestare i suoi effetti, incidendo soprattutto sulla famiglia e sulle fasce più deboli. Le categorie maggiormente colpite sono le giovani coppie, le famiglie con un solo genitore, con disabili a carico o molto numerose, famiglie in cui uno dei coniugi ha perso il lavoro. Tali categorie sono interpretate da alcuni tra i requisiti per accedere ai benefici: oltre a un reddito inferiore a trenta mila euro, i titolari del mutuo devono avere già iniziato l’ammortamento da almeno un anno; l’importo finanziato deve essere al di sotto dei 250 mila euro e l’acquisto si deve riferire esclusivamente alla tipologia “prima casa”. I dati del 2013 del “Fondo di solidarietà per l’acquisto della prima casa, hanno indotto, su iniziativa dell’ABI e di ben 13 Associazioni dei Consumatori, il Governo a prorogare questo fondamentale strumento anche per  il biennio 2014-2015 ” (il provvedimento modifica il già noto “piano famiglie” introdotto dalla Finanziaria 2008, sulla base della legge 244/2007 e attivato solo nel 2010,  reso operativo con le modifiche apportate dal decreto ministeriale dell'Economia 37/2013)La legge di Stabilità del 2014, praticamente, ha dato continuità al provvedimento che lo istituì ed  ha permesso di sospendere temporaneamente il pagamento delle rate del mutuo, per un massimo di 18 mesi complessivi, senza maturazione di interessi. Tali somme saranno coperte, appunto, con stanziamenti previsti nella legge di stabilità. La richiesta va fatta compilando un apposito modulo scaricabile dal sito Consap (Concessionaria servizi assicurativi pubblici) o da quello del Dipartimento del Tesoro, presso la Banca dove è stato contratto il Mutuo. La banca inoltrerà un’istanza alla Consap e, dopo aver ricevuto il nulla osta, provvederà a sospenderne l’ammortamento. PW