info@creditprima.com

inserisci senza impegno alcuni semplici dati

QUOTA 100 - I Dettagli

Ecco una delle importanti novità della manovra 2019, tanto discussa e osteggiata in Parlamento. Dal 1° aprile 2019 il privato che avrà maturato i requisiti richiesti entro il 31 dicembre 2018, potrà accedere a Quota 100; diversamente, per chi raggiungerà tali requisiti nel corso dell’anno, o dei prossimi due anni. Quota cento si attiverà ai tre mesi dalla data di raggiungimento degli stessi. Il primo agosto 2019 i lavoratori del settore pubblico impiego che avranno raggiunto i requisiti, accederanno alla pensione. Quota 100 (articolo 14 –composto da 9 commi) è la misura presentata dai vicepremier Salvini e Di Maio che permetterà di andare in pensione con 62 anni di età e 38 di contributi, quindi nettamente prima rispetto alla riforma pensionistica Fornero, che richiedeva i 67 anni d’età: praticamente il lavoratore avrà la possibilità di uscire anticipatamente dal mondo del lavoro quando la somma di età anagrafica e di contributi versati arriverà a 100. Quello che interessa sapere, ai lavoratori, è se è possibile in qualche modo aumentare i requisiti per raggiungere tale traguardo. Interessanti opzioni saranno: o Riscatto della laurea, ad esclusione dei master o Accredito del servizio militare o Cumulo contributivo alternativo non sovrapponibile al servizio considerato o Pagamento di una quota per intero o rateizzata Le lavoratrici del settore pubblico con almeno 58 anni e le lavoratrici autonome con 59 anni e 35 anni di contributi potranno accedere, senza poter cumulare, tuttavia, contributi di provenienza diversa, se non con degli oneri. V.M.

Ecco una de


I DETTAGLI - Ecco una delle importanti novità della manovra 2019, tanto discussa e osteggiata in Parlamento dall’opposizione. Dal 1° aprile 2019 il privato che avrà maturato i requisiti richiesti entro il 31 dicembre 2018, potrà accedere a Quota 100; diversamente, per chi raggiungerà tali requisiti nel corso dell’anno, o dei prossimi due anni.


Si attiverà ai tre mesi dalla data di raggiungimento degli stessi. Il primo agosto 2019 i lavoratori del settore pubblico impiego che avranno raggiunto i requisiti, accederanno alla pensione.


Quota 100 (articolo 14 –composto da 9 commi) è la misura presentata dai vicepremier Salvini e Di Maio che permetterà di andare in pensione con 62 anni di età e 38 di contributi, quindi nettamente prima rispetto alla riforma pensionistica Fornero, che richiedeva i 67 anni d’età: praticamente il lavoratore avrà la possibilità di uscire anticipatamente dal mondo del lavoro quando la somma di età anagrafica e di contributi versati arriverà a 100.


Quello che interessa sapere, ai lavoratori, è se è possibile in qualche modo aumentare i requisiti per raggiungere tale traguardo.


Interessanti opzioni saranno:


o   Riscatto della laurea, ad esclusione dei master


o   Accredito del servizio militare


o   Cumulo contributivo alternativo non sovrapponibile al servizio considerato


o   Pagamento di una quota per intero o rateizzata


 


 Le lavoratrici del settore pubblico con almeno 58 anni e le lavoratrici autonome con 59 anni e 35 anni di contributi potranno accedere, senza poter cumulare, tuttavia, contributi di provenienza diversa, se non con degli oneri.


 VMota 100


(

articolo 14

- 9 commi)

è

la misura presentata

dai vicepremier Salvini

e Di Maio

che permette di andare in pensione con

62 anni di età e 38 di

contributi, quindi nettamente prima rispetto alla riforma pensionistica Fornero,

che richiedeva i 67 anni d’età

:

praticamente il lavoratore avrà la possibilità di

uscire anticipatamente dal mondo del lavoro quando la somma di età anagrafica

e di contributi versati arriverà a 100.

Quello, che, però, interessa sapere ai lavoratori è se è possibile in qualche modo

aumentare i requisiti per raggiungere tale traguardo.

Interessanti opzioni saranno:

o

Riscatto della laurea, ad esclusione dei master

o

Accredito del servizio militare

o

Cumulo contributivo alternativo non sovrapponibile al servizio

considerato

o

Pagamento di una quota per intero o rateizzata

Le lavoratrici del settore pubblico con almeno 58 anni e le lavoratrici autonome

con 59 anni e 35 anni di contributi potranno accedere, senza poter cumulare,

tuttavia, contributi di provenienza diversa, se non con degli oneri.

V.M.